Eccoci qua con l’atteso e richiestissimo argomento. In molte hanno visto le mie organizzazioni famigliari, sui menu che uso, la spesa che faccio…le opzioni extra…

[wp_ad_camp_4]

Ci tengo a sottolineare che non sono una dietologa, nutrizionista, medico, ma mi soffermo a creare menu sulla base di piatti contenenti carboidrati, proteine e verdura, e sulla base della mia esperienza di mamma e moglie. Perciò se riteniate che i menù non sono bilanciati, recatevi prontamente da una specialista che studierà un menù più adatto a voi e alle vostre esigenze di famiglia.

Dunque parliamo del MENU’ FAMIGLIA CON BAMBINI.

 

 

5 PORZIONI AL GIORNO DI VERDURA E FRUTTA DI STAGIONE

Rispettare la suddivisione in 5 pasti nella giornata: 

Colazione

2 spuntini (uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio)

Pranzo

Cena

Questo permetterà anche ai bambini di arrivare al pasto successivo senza troppo appetito e contemporaneamente migliora il metabolismo.

La carne è un alimento importante per la crescita di un bambino, è una fonte primaria.

Meglio prediligere cotture che non prevedano l’utilizzo di condimenti grassi, come quella al vapore che è anche nutrizionalmente più valida.

Tra le carni, prediligere le carni bianche, ottima fonte di proteine, con pochi grassi e di buona qualità.

Fate attenzione alla scarsa quantità di verdure a pranzo e cena, io ci tengo moltissimo a questo punto, per farle apprezzare ai bambini è importante lavorare sul nostro esempio e sulla presentazione dei piatti, giocando con forme e colori (chi ha figli piccoli come me, funziona!).

Sono inutili le forzature, meglio invece invitare il bambino a fare la spesa insieme, scegliere una verdura che non conosce, aiutare in cucina. E’ un percorso che avvicina i più piccoli, che toccando, annusando e sperimentando, si sentono incoraggiati a provare.

 

E’ importante alternare la presenza di proteine nel corso del menù settimanale:

3 volte carne

3 volte pesce

3 volte legumi

1-2 volte le uova

Formaggi e salumi vanno proposti 1-2 volte max alla settimana.

 

5 ERRORI DA EVITARE

Mai saltare la prima colazione! Molto spesso scarsa o carente.

I legumi non sono un contorno, ma un secondo proteico, che va in sostituzione a carne e pesce.

Pasta, pane e patate non vanno abbinati tra loro, meglio proporli separatamente:

Es: pasta, riso o cereali a pranzo invece patate o pane a cena (favorendo il più possibile cereali ricchi di fibre, pasta e pane integrali).

Se avete bimbi piccoli, non costringere il bambino ad assaggiare un alimento con la forza, porta ad una maggiore ostilità verso quell’alimento.

E’ sbagliato anche proporre un premio in cambio, è un atteggiamento che non porta il bambino a consumare volontariamente un determinato cibo.

In teoria, anche se personalmente io non lo faccio spesso ma mi impegnerò a farlo, perchè bisogna dialogare in famiglia, è l’unico momento dove la famiglia è riunita, sto parlando della tv accesa, spegnetela!

Non si gioca nel momento dei pasti, i bambini devono essere lasciati liberi di sperimentare e conoscere gli alimenti presenti sulla tavola!

ECCO UNA PROPOSTA DI MENU SETTIMANALE per prendere spunto a cosa proporre ai nostri bambini e non rimanere a corto di idee.

 

COLAZIONE: per iniziare la giornata i bambini necessitano di una colazione completa, che comprenda una parte liquida come latte o yogurt, e una parte solida dove si può scegliere tra un prodotto da forno, pane o fette biscottate e marmellata, cereali, una torta preparata in casa, meglio se con farina integrale. 

MERENDA: cercare di proporre a metà mattina o pomeriggio un frutto. Mentre per l’altra merenda si può scegliere un prodotto da forno, un piccolo panino imbottito, uno yogurt oppure una fettina di ciambellone (prossimamente metterò la mia ricetta perfetta). L’importante è non esagerare con la quantità e ricordare che si tratta di uno spuntino e non di un pasto.

Prossimamente pubblicherò un menù tipo!

Non perdete l’occasione e per non restare indietro seguitemi alla pagina fb

I SAPORI DI VERONICA

[wp_ad_camp_3]